Sabato 8 e Domenica 9 Giugno

Campionati Italiani Sprint e 5^ prova di Coppa Italia

Pergine Valsugana e Passo Redebus

 

Week end in Trentino per il nostro gruppo junior composto da Michael, Nicholas, Jack e Marco alla ricerca di qualche conferma nelle gare che li vedevano impegnati nel Campionato Italiano Sprint a Pergine Valsugana e a Passo Redebus nella 5^ prova di Coppa Italia. Il gruppo ha fatto base presso l’albergo Al Ponte insieme a Spek, Roberto, Paolo e Gabriella.

La pioggia ha caratterizzato entrambe le prove e il recente podio regionale MA conquistato dai nostri nella gara in centro storico a Tarcento mostra le polveri…. bagnate. Migliore di tutti in M20 Michael che chiude al 9° posto, con Marco al 14°, Nicholas al 22° e Jack al 27°, tutti nello spazio di 2 minuti e 30’. La palma della sfortuna a Nicholas che va lungo su un punto e nonostante la migliore velocità di base vede vanificata la sua performance da errori di lettura. Anche i suoi compagni non sono da meno: la sprint è una gara che, giocata sul filo dei secondi, non perdona. Così si trovano alle spalle dei compagni di nazionale Pittau, Dallavalle, Scalet, Bignami, Guizzardi e Gaio. Speck, sempre il nostro miglior master, si piazza nella categoria over 50 a metà classifica. Un po’ più sotto Roberto, che si fa superare dal fratello Lucio. Gabriella in W45 si difende in una categoria molto agguerrita. Paolo Sbrizzi continua a raccogliere elogi per l’innovativo corso sul laser scanner che ha tenuto recentemente a Udine da chi vi ha partecipato e da chi ne ha sentito parlare. Una novità che incuriosisce le società trentine e che presto lo vedranno come docente, nella terra che ha importato l’orienteering in Italia,  per insegnare come si producono le carte base a basso costo e con le curve di livello dove sono e non dove si immaginano.

Domenica è un altro discorso, da un parco inserito in centro storico si sale a Passo Redebus per la Coppa Italia. Tipico terreno trentino con forti dislivelli, bel bosco da correre e i verdi che imbrogliano. Medesimo invece il tempo atmosferico: pioggia che cade a strangolini! Vediamo come sono andati i nostri: in cat. M20, Nicholas ripete il risultato del giorno precedente (palma della sfortuna), una bella gara la sua, ma una distorsione alla caviglia lo ferma nel momento cruciale. E pensare che 15 giorni prima al corso istruttori il buon Roberto aveva catechizzato tutti sul corretto impiego del ‘taping’…… finisce 8° preceduto da Jack che pur con qualche errore è regolare nella sua conduzione di gara. Il migliore ancora Michael, 5°. In ME Marco cerca di rimediare la delusione del giorno precedente e fa una buona prima parte di gara, poi si perde negli insidiosi verdi dove il tracciatore ha posto il 18° punto di controllo. Solo la soddisfazione di prendersi la rivincita (per 9’!) su Pittau, vincitore il giorno precedente. Ma ci sono altre più bonarie rivincite:  Roberto che supera Nino Corredig mentre il grande Speck conclude 8° in M55. E Gabriella che torna, bagnata, ma senza un graffio…