TRAIL-O LA RIVINCITA DEI DISABILi

Forse solo in questa specialità tutti gareggiano ad armi pari

articolo del Messaggero Veneto,lunedì,25 agosto 

C’è forse un’unica disciplina nel panorama mondiale degli sport che consente a un disabile, qualunque sia la sua tipologia di handicap, di gareggiare ad armi pari con un atleta normodotato. Si chiama trail orienteering ed è stata importata in Italia dalla Svezia grazie a due tecnici friulani, Fulvio Lenarduzzi e Monica Frappa, che per primi l’hanno sperimentata un paio di anni fa.
Il Trail-O è una forma di orienteering oggi riconosciuta sia dalla federazione internazionale, la Iof, sia da quella italiana, la Fiso, e si differenzia dalle altre sostanzialmente per tre motivi. Intanto, nel punto di controllo non c’è un’unica lanterna, ma un gruppetto di lanterne, da due a cinque, in modo che il concorrente possa scegliere quella giusta in base alle indicazioni che gli sono state date alla partenza e segnarla sul cartellino testimone. Poi, la classifica viene determinata da quante lanterne corrette sono state annotate sul cartellino e, a parità di punteggio, dal tempo impiegato nella scelta in alcuni punti particolari, le crono-piazzole. Infine, dal momento che la capacità di orientamento è determinata dalla scelta della lanterna, viene meno la scelta del percorso, e il tragitto tra due punti di controllo è un comunissimo sentiero, trail in inglese, da cui il nome.
«Insomma, in una gara di Trail-O – spiega Monica Frappa, responsabile del settore Trail-O della Fiso regionale – non esiste agevolazione alcuna nell’avere maggiori capacità fisiche, dal momento che conta esclusivamente la precisione nella scelta della lanterna. Assolutamente non facile se si pensa che nel gruppetto le lanterne sono molto ravvicinate e solo una lettura fine della cartina porta a individuare quella esatta. Così, nel Trail-O possono gareggiare assieme tutti, uomini e donne, giovani e anziani, soprattutto disabili e normodotati, come vuole il simbolo della disciplina».
L'occasione per avvicinarsi a questo nuovo sport verrà data sabato 27 settembre a Udine, dal momento che il Meeting studentesco di orienteering, evento collaterale alla quarta edizione della “Maratonina Città di Udine”, prevederà proprio una competizione di Trail-O. La gara, allestita dalla Friuli Mtb & Orienteering, si terrà in pieno centro storico e, poiché il 2003 è l’anno del disabile, sarà specificamente rivolta ai portatori di handicap. (m.ol)