Includi testata


Home - Sponsor - Convenzioni - Link utili - Area Utenti


Includi mený

Friuli MTB & Orienteering


Elenco notizie

Calendario gare

Scadenze

I nostri utenti

GuestBook

Trofeo Pole Star


Vai al vecchio sito


Paluzza 2010


Paluzza 2010



Orienteering a Cercivento
La Friuli Mtb & Orienteering insieme al Fans Club di Alessandro Pittin per una giornata di orienteering.

Durante lo scorso finesettimana, la direzione nazionale combinata nordica ha organizzato un incontro tecnico/amministrativo/consuntivo a Cercivento. La località è stata scelta proprio per celebrare il campione Alessandro Pittin, bronzo alle olimpiadi di Vancouver di questa disciplina.

Nella zona dell’Alta Valle del But si sono, così, ritrovati i vertici direttivi provenienti non solo dai poli regionali di Paluzza e Timau ma anche da altre zone del nord Italia come della Val di Fiemme. Per l’occasione, si è radunata a Cercivento anche la nazionale giovanile di combinata nordica, che ha avuto modo di conoscere l’ambiente dell’Alta Valle del But e di svolgere in loco le proprie attività, accompagnati da tecnici e genitori.

Nell’atmosfera di festa e professionalità sportiva, è stata coinvolta anche la nostra società, cui è stato affidato il compito di organizzare una gara promozionale rivolta ai giovani combinatisti ritrovatisi in regione assieme allo staff direttivo.

L’area del centro sportivo di Cercivento è compresa nella nuovissima carta di Paluzza e così la manifestazione si è svolta nei prati attorno al campo sportivo, sulla riva destra del but ed è stata intitolata “Ator pes bradeis di Curciuvint” (In giro per i prati di Cercivento).

Domenica mattina il cielo era bianco e Nonostante le condizioni meteorologiche non fossero delle migliori, una volta raggiunto il campo gara, il nostro staff ha predisposto i percorsi e la zona arrivo e partenza. Questo è stato possibile grazie all’appoggio e alla disponibilità dei responsabili locali dell’area del centro sportivo e dei collaboratori del “Fans Club Alessandro Pittin”, che hanno dimostrato nei nostri confronti, grande ospitalità e cordialità.

Non sapevamo esattamente quante persone avrebbero voluto partecipare visto il maltempo e invece ben presto l’area di ritrovo ha iniziato a popolarsi di bambini, tecnici, atleti e genitori. Noncuranti della pioggia e animati dall’entusiasmo di provare uno sport diverso, si sono iscritti ben una quarantina di concorrenti: bambini dai 6 ai 15 anni, genitori, accompagnatori, simpatizzanti e atleti tra cui anche il giovane campione, Alessandro Pittin.

La maggior parte degli iscritti non conosceva il nostro sport quindi abbiamo proposto una presentazione iniziale dell’orienteering e del suo funzionamento pratico e abbiamo cercato di assicurare maggiore assistenza possibile in fase di partenza e durante il percorso.

Ciò che ha dato maggiore soddisfazione, è stato l’atteggiamento di completa disponibilità e lo spirito di amicizia e ospitalità con cui siamo stati accolti. Il supporto che ci e; stato offerto, ci ha permesso di lavorare con serenità nonostante il maltempo e di adeguare l’attività al livello dei partecipanti e alle loro diverse esigenze.

Fortunatamente, durante la gara vera e propria, il tempo è stato clemente e la pioggia si è interrotta, offrendo le migliori condizioni che ci si poteva aspettare viste le previsioni meteorologiche.

Erano stati predisposti 4 percorsi della lunghezza compresa tra 1 e 2,5 km, i concorrenti sono stati suddivisi nelle 4 categorie sulla base dell’età e dell’esperienza.

La difficoltà maggiore per tutti era rappresentata dall’elemento della carta, che costituiva un elemento assolutamente nuovo e con cui bisognava prendere confidenza. Verificare la posizione di qualche riferimento evidente (il But o il campo da calcio), con l’aiuto dei nostri tecnici, ha contribuito a comprendere l’idea della carta come rappresentazione della realtà. Ecco allora che l’uso della “carta come strumento” dava il via alla dimensione della gara.

I concorrenti, soprattutto i giovanissimi, dimostravano un ottimo livello di preparazione fisica e una grinta positiva: una volta compreso il meccanismo di questo sport, per loro nuovo, bruciavano lo spazio tra un punto e l’altro con grande determinazione. Tra’les bradeis’ di Cercivento una quarantina di atleti correvano carta alla mano in cerca dei diversi punti di controllo.

Non solo la partecipazione aveva raggiunto un livello del tutto soddisfacente ma anche i risultati sono stati sorprendenti. Tra una quarantina di partecipanti, solamente una PE (punzonatura errata): niente male per essere la prima volta quasi per tutti!

Infine, molti sono stati i commenti positivi: l’entusiasmo dei giovani, l’approvazione dei genitori, la soddisfazione dei responsabili locali. Il tutto inserito in un clima di festa e ritrovo amichevole, che si è concluso a pranzo in un bar di Cercivento, dove ci è stato offerto un ottimo pasto.

Non solo la società ha avuto modo di organizzare un evento completo in un contesto importante con successo, ma ha avuto l’occasione di inserirsi in una rete di rapporti tra enti e persone con cui condividere, oltre al piacere di stare assieme, quello di dedicarsi ad attività sportive sia a livello tecnico sia gestionale e organizzativo.

 Alessia Ciriani



Modificata da kimi91 il 2010 04 26 Mon 18:36

Autore: kimi91
2010 04 19 Mon 14:29

Album fotografico: vai!

Successiva -->

<-- Precedente



FRIULI MTB & Orienteering - Sede Via Beretta 36, 33100 Udine
Tel/fax: +39 0432 284090 Email: info@friulimtb.it
© 2017 Bert! Creative Commons License.